Severiano Ballesteros 35 anni fa all'Open d'Italia
07 maggio 2018
Era il primo Maggio 1983....

ll primo maggio 1983 si disputava all’Ugolino l'ultimo giro dell'Open d'Italia. Severiano Ballesteros, fresco vincitore del Masters ad Augusta due settimane prima, arrivò all'ultima buca (l'attuale 9 allora la 18) indietro di due colpi rispetto al tedesco Bernard Langer e al britannico Ken Brown . Per andare al play off  (lo spareggio) aveva bisogno di un eagle ovvero di chiudere la buca, un par 5 di circa 450 metri in soli 3 colpi. 

Col secondo tiro il campione spagnolo arrivò oltre il green; a quel punto a Ballestereos in mezzo alla folla che seguiva col fiato sospeso rimaneva una sola chance: imbucare. Chiese silenzio al pubblico, prese il ferro nove e colpì la palla mandandola incredibilmente in buca tra il boato della folla.

Severiano Golf Ugolino Club House

Quell'incredibile prodezza valse a Ballesteros lo spareggio (poi vinto da Langer) e una targa commemaorativa nel punto esatto dal quale partì lo storico pitch del fuoriclasse spagnolo.

Targa commemorativa

Tags:
Condividi su:
Ricevi le nostre news